UN 25  APRILE  SUI  MONTI

di Marco MADDALENA

Da ieri mi ronza in testa la frase di Piero Calamandrei: “Se volete andare in pellegrinaggio dove è nata la nostra Costituzione, andate sulle montagne, nelle carceri, nei campi, dovunque è morto un italiano per riscattare la nostra libertà, perché è lì che è nata questa nostra Costituzione”.

E quindi, ancor più presto del solito ho deciso di pedalare e raggiungere la montagna in una giornata fredda come oggi, non che mi mancasse di andare in montagna, ma oggi è stata una pedalata particolare, ho sentito subito l’odore di Libertà che si è amplificato nel raggiungere gli altipiani di Prato di Campoli, più salivo e più neve c’era ed ho pensato come le montagne non solo sono luoghi naturali stupendi ma hanno rappresentato il rifugio dalle guerre della popolazione civile e il luogo d’azione dei Partigiani.

Tra la neve bianca ad un puntano sbucano dei fiori con un colore forte e comincia a nevicare a completare il senso di Libertà.

Buon 25  Aprile, a tutti i resistenti di ieri e di oggi!

Autore

  • Marco MADDALENA

    Marco Maddalena, esperto di politiche attive per il Lavoro, studioso dei processi utili alla conversione ecologica della società. Da sempre impegnato nelle vertenze ecologiste e sociali .

    Visualizza tutti gli articoli

Potrebbe piacerti anche

Lascia un commento

* Utilizzando questo modulo accetti la memorizzazione e la gestione dei tuoi dati da parte di questo sito web.

?>